Moto è vita

15 settembre 1947: Trattato di pace di Parigi

on 14.09.2016

Wappen_TriestIl Club Touristi Triestini vuole ricordare l’entrata in vigore del Trattato di Pace di Parigi, avvenuta il 15 settembre 1947, riportando alcuni articoli che riguardano il nostro Territorio nella lingua originale inglese e nella traduzione italiana pubblicata a cura del Governo Militare Alleato nel marzo del 1947.

Buona lettura!

TREATY OF PEACE WITH ITALY 1947
TRATTATO DI PACE CON L’ITALIA 1947

ARTICLE 21
1. There is hereby constituted the Free Territory of Trieste, consisting of the area lying between the Adriatic Sea and the boundaries defined in Articles 4 and 22 of the present Treaty. The Free Territory of Trieste is recognized by the Allied and Associated Powers and by Italy, which agree that its integrity and independence shall be assured by the Security Council of the United Nations.
2. Italian sovereignty over the area constituting the Free Territory of Trieste, as above defined, shall be terminated upon the coming into force of the present Treaty.

ARTICOLO 21
1) In virtù del presente articolo viene costituito il Territorio Libero di Trieste, la cui estensione è delimitata dal Mare Adriatico e dalle frontiere definite agli art. 4 e 22 del presente Trattato. Il Territorio Libero di Trieste è riconosciuto dalle Potenze alleate ed associate e dall’Italia, le quali convengono che la sua integrità e la sua indipendenza verranno assicurate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
2) La sovranità dell’Italia sulla zona costituente il Territorio Libero di Trieste, quale esso è definito al paragrafo 1 del presente articolo, avrà termine a partire dal momento dell’entrata in vigore del presente Trattato.
ANNEX VI
PERMANENT STATUTE OF THE FREE TERRITORY OF TRIESTE

ARTICLE 1
Area of Free Territory
The area of the Free Territory of Trieste shall be the territory within the frontiers described in Articles 4 and 22 of the present Treaty as delimited in accordance with Article 5 of the Treaty.

ARTICLE 2
Integrity and independence
The integrity and independence of the Free Territory shall be assured by the Security Council of the United Nations Organization. This responsibility implies that the Council shall:
(a) ensure the observance of the present status and in particular the protection of the basic human rights of the inhabitants.
(b) ensure the maintenance of public order and security in the Free Territory.

ARTICLE 3
Demilitarisation and neutrality
1. The Free Territory shall be demilitarised and declared neutral.
2. No armed forces, except upon direction, of the Security Council, shall be allowed in the Free Territory.
3. No para-military formations, exercises or activities shall be permitted within the Free Territory.
4. The Government of the Free Territory shall not make or discuss any military arrangements or undertakings with any State.

ALLEGATO VI
STATUTO PERMANENTE DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE

ARTICOLO I
Estensione del Territorio Libero
Il Territorio Libero di Trieste sarà delimitato dalle frontiere che sono descritte agli articoli 4 e 22 del presente Trattato ed il cui tracciato verrà stabilito conformemente all’articolo 5 del Trattato.

ARTICOLO 2
Integrità ed indipendenza
Il Consiglio di Sicurezza dell’Organizzazione delle Nazioni Unite assicura l’integrità e l’indipendenza del Territorio Libero. Questa responsabilità implica che esso ha il compito:
a) Di far osservare le disposizioni dello Statuto Permanente specie per quanto riguarda la protezione dei diritti fondamentali dell’uomo.
b) Di mantenere l’ordine e la sicurezza nel Territorio Libero.

ARTICOLO 3
Demilitarizzazione e neutralità
1) Il Territorio Libero sarà demilitarizzato e dichiarato neutrale.
2) Nessuna forza armata sarà autorizzata nel Territorio Libero, salvo in seguito ad istruzioni del Consiglio di Sicurezza.
3) Le formazioni, gli esercizi e le attività paramilitari saranno proibite entro i confini del Territorio Libero.
4) Il Governo del Territorio Libero non concluderà nè negozierà accordi o convenzioni militari con alcuno Stato.

ARTICLE 33
Registration of Vessels
1. The Free Territory is entitled to open registers for the registration of ships and vessels owned by the Government of the Free Territory or by persons or organizations domiciled within the Free Territory.
2. The Free Territory shall open special maritime registers for Czechoslovak and Swiss ships and vessels upon request of these Governments, as well as for Hungarian and Austrian ships and vessels upon the request of these Governments after the conclusion of the Treaty of Peace with Hungary and the treaty for the reestablishment of the independence of Austria respectively. Ships and vessels entered in these registers shall fly the flags of their respective countries.
3. In giving effect to the foregoing provisions, and subject to any international convention which may be entered into concerning these questions, with the participation of the Government of the Free Territory, the latter shall be entitled to impose such conditions governing the registration, retention on and removal from the registers as shall prevent any abuses arising from the facilities thus granted. In particular as regards ships and vessels registered under paragraph 1 above, registration shall be limited to ships and vessels controlled from the Free Territory and regularly serving the needs or the interest of the Free Territory. In the case of ships and vessels registered under paragraph 2 above, registration shall be limited to ships and vessels based on the port of Trieste, and regularly and permanently serving the needs of their respective countries through the Port of Trieste.

ARTICOLO 33
Immatricolazione delle navi
1) Il Territorio Libero è autorizzato ad aprire dei registri per la immatricolazione delle navi e dei bastimenti appartenenti sia al Governo del Territorio Libero sia a persone fisiche o ad organizzazioni domiciliate nel Territorio Libero.
2) Su domanda della Cecoslovacchia e della Confederazione Elvetica il Territorio Libero aprirà dei registri marittimi speciali per le navi ed i bastimenti cecoslovacchi ed elvetici. Dopo la conclusione del Trattato di Pace con l’Ungheria e del Trattato ristabilente l’indipendenza dell’Austria rispettivamente, il Territorio Libero aprirà, nelle stesse condizioni, dei registri marittimi speciali per le navi ed i bastimenti ungheresi ed austriaci. Le navi ed i bastimenti iscritti in tali registri inalbereranno la bandiera dei loro paesi rispettivi.
3) Dando effetto alle disposizioni di cui sopra, e sotto riserva di qualsiasi convenzione internazionale che a tale riguardo venisse ad essere conclusa con la partecipazione del Governo del Territorio Libero, questo potrà stabilire le condizioni concernenti l’immatricolazione, il mantenimento sui registri o la radiazione atte ad impedire tutti gli abusi cui dessero luogo le facilitazioni così accordate. In particolar modo per quanto riguarda le navi ed i bastimenti immatricolati conformemente al paragrafo 1 di cui sopra, l’immatricolazione sarà limitata alle navi ed ai bastimenti gestiti dal Territorio Libero e che servono regolarmente ai bisogni ed agli interessi del Territorio. Nel Caso delle navi, e dei bastimenti immatricolati in conformità al paragrafo 2 di cui sopra, l’immatricolazione sarà limitata alle navi ed ai bastimenti aventi Trieste come base e che servano in maniera regolare e permanente ai bisogni dei loro paesi rispettivi attraverso il porto di Trieste.