Moto è vita

Posts Tagged "speleologia"

La Grotta dei Morti

La Grotta dei Morti

| 0 comments

di Lodovico Mertl (Trascrizione dell’articolo apparso su “Il Tourista” dell’11 Ottobre 1894. La collezione de “Il Tourista” è conservata presso il Civico museo di storia naturale Ferdinando Massimiliano di Trieste)   Addì 13 Maggio a. c. Domenica di Pentecoste avevamo, sotto la direzione del consocio sig. L. Petritsch, esplorato quasi la metà di questa profonda fovea. Eravamo cioè giunti a 115 metri di profondità, allorchè l’ora tarda ci fece sospendere il lavoro sotterraneo che aveva durato indefesso dalle 8 ant. alle 1 ½ pom. Il ritiro degli attrezzi ci costò 3½ ore di penosissimo lavoro; alle 5 pom. eravamo fuori del pozzo e caricati gli attrezzi sulle carriuole, li trasportammo al deposito di Padrich. Era nostra intenzione di continuare l’esplorazione qualche settimana più tardi allorchè ci giunse la notizia, che l’ingresso della fovea venne chiuso per mezzo d’una grossissima pietra. Prese le debite informazioni e saputo che la grotta appartiene al nostro Comune, decidemmo d’attendere preparandoci alla finale esplorazione dopo ottenuto il permesso dall’inclito Magistrato Civico. Parecchi dei nostri soci dovevano usufruire nella seconda metà del mese d’Agosto di qualche settimana di ferie; si giudicò quindi quella l’occasione favorevole e si fece regolare domanda all’inclito Magistrato Civico addì 4 Agosto p. p. Già allora tutto era pronto fuorchè il telefono, chè causa disparate opinioni non si sapeva di qual sistema preferire. Addì 19 Agosto p.p. in seguito a conchiuso delegatizio del 16 Agosto l’inclito Magistrato Civico concedeva al nostro Club il permesso di esplorare “nella grotta dei morti nel Monte Spaccato a condizione però che gli eventuali lavori vengano eseguiti verso osservanza delle cautele corrispondenti al caso, sotto la direzione di persone approvate in arte da insinuarsi in via breve al civico Ufficio edile.” Riservandoci di rettificare in seguito l’erronea denominazione della situazione della grotta, decidemmo il trasporto col carro-deposito dei materiali da Prosecco a Trebich e i soci Fischer e F. Mertl lo eseguirono. Intanto il vicepresidente, accompagnato dal consocio l’on. sig. Dollenz, consigliere municipale, si recava dal direttore dell’ufficio edile Dr. Boara e dall’assessore Dr. Pimpach, per avere delucidazioni circa alla condizione imposta dall’inclita Delegazione municipale. Ottenutele il giorno dopo s’insinuava la persona approvata in arte e l’inclito Magistrato chiedeva si fissi un’epoca, al che si corrispose...

Read More